10 utili consigli per la prevenzione del glaucoma

8 gennaio 2018 In News e congressi

 

Il glaucoma, con circa una sessantina di milioni di casi al mondo, è una delle principali cause di perdita della vista. È una malattia controllabile, ma non curabile: questo significa che la sua progressione può essere arrestata, ma la patologia non ha al giorno d’oggi alcuna cura efficace per eliminare del tutto il problema.


Al giorno d’oggi, grazie a recenti studi, sappiamo che il tenore di vita gioca un ruolo nello sviluppo di questa patologia, ed è grazie a questa scoperta che per combattere il glaucoma si apre a una pratica fino a poco tempo fa considerata inefficace: la prevenzione.

L’American Academy of Ophthalmology a questo proposito ha ricordato che, per ridurre al minimo le possibilità di sviluppare il glaucoma, è sufficiente tenere a bada certe cattive abitudini e seguire dieci semplici consigli.

 

  1. L’esercizio fisico regolare.
    Uno studio uscito nel novembre del 2017 ha dimostrato come chi pratica un esercizio regolare leggero o agonistico ha un rischio di sviluppare il glaucoma del 73% inferiore rispetto a chi conduce una vita sedentaria. Questo grazie ad una migliore regolazione della pressione intraoculare dovuto ad una vita sportiva.
  2. Una dieta ricca di frutta e verdura, specialmente a foglia larga.
    Uno studio del 2016 ha dimostrato che il consumo di verdura a foglia larga come l’insalata può ridurre dal 20% al 30% il rischio di sviluppare il glaucoma. Questo è grazie ai nitrati contenuti nella verdura, che vengono sintetizzati dall’organismo in ossido nitrico, che permette una migliore regolazione della circolazione sanguigna e della pressione intraoculare.
  3. Non esagerate con il caffè, piuttosto bevete the (verde).
    Anche sé questo è risaputo da tempo, uno studio pubblicato il mese scorso ha dimostrato che il consumo di una tazza di the al giorno può ridurre addirittura del 74% la possibilità di sviluppare il glaucoma. Questo grazie alle catechine e i flavonoidi contenuti nel the, in particolare verde. Sono potenti antiossidanti che contrastano i radicali liberi alla base di una delle cause di insorgenza della malattia.
    Un altro studio ha dimostrato che più di cinque tazzine di caffè al giorno possono invece aumentare il rischio di insorgenza, meglio andarci piano!
  4. Assumere magnesio.
    Il magnesio migliora la circolazione sanguigna e riesce ad avere un effetto benefico contrastando la progressione della malattia anche in fasi più avanzate.
    Tenere conto dell’apporto di magnesio nell’alimentazione, anche con gli integratori, può essere molto salutare.
  5. L’igiene dentale.
    Può sembrarvi molto strano, ma uno studio ha dimostrato una correlazione possibile tra la perdita dei denti e il glaucoma. Questo perché le malattie parodontali si sospetta che riescano ad innescare il glaucoma come una reazione a catena. Lavatevi bene i denti.
  6. Non fumate.
    Non serve ribadire che il fumo fa male, specialmente sé è una causa principale di un numero elevatissimo di patologie oculari.
  7. Mantenete il peso forma.
    Un indice di massa corporea alto è uno dei principali rischi dello sviluppo del diabete, e il diabete è uno dei principali fattori di rischio del glaucoma. Ma anche essere sottopeso può essere un fattore di rischio per il glaucoma. La virtù sta nel mezzo.
  8. Occhio allo yoga.
    Lo yoga fa bene, ma alcune posizioni a testa in giù possono alzare la pressione oculare. Se siete già pazienti glaucomatosi o a rischio evitate semplicemente queste posizioni.
  9. Attenti all’insospettabile cravatta.
    Uno studio ha dimostrato come tenere la cravatta troppo stretta può alzare la pressione intraoculare con il rischio di scatenare il glaucoma.
  10. Fatevi visitare regolarmente da un oculista.
    La predisposizione al glaucoma è ereditaria. Chi è di origine africana, diabetica di tipo 1 o ha dei casi di glaucoma in famiglia dovrebbero sottoporsi ad un controllo periodico dall’oculista, che può controllare la pressione oculare grazie ad un semplice esame tonometrico.

    Fonte