Il report del TFOS DEWS II aggiorna e approfondisce le conoscenze sulla sindrome dell’occhio secco

12 agosto 2017 In News e congressi

In tutto il mondo, milioni di individui, in gran parte donne, soffrono di disfunzioni del film lacrimale, globalmente diagnosticate come ‘occhio secco’, o dry eye disease (DED).

 In apparenza banale, questa condizione, oggi riconosciuta a tutti gli effetti come patologia, può essere fortemente invalidante: in molti individui costituisce una fonte di dolore cronico e impedisce le normali attività lavorative e sociali.  La buona notizia è che la ricerca in questo campo è attualmente molto attiva e ha portato a meglio comprendere i meccanismi dell’occhio secco, a differenziarne le tipologie e a condurre studi mirati su nuove modalità di trattamento.  Lo scorso 21 luglio è stato pubblicato il tanto atteso ‘report’ del Dry Eye Workshop II (TFOS DEWS II), che sintetizza i risultati del lavoro di due anni da parte dei maggiori esperti nel settore e aggiorna un analogo documento elaborato nel 2008.  Le sottocommissioni del DEWS II hanno lavorato sulla definizione, la classificazione e la diagnosi della sindrome dell’occhio secco, sull’eziologia, i meccanismi, la distribuzione e l’impatto globale, i fattori di rischio e le terapie.  

Il report è consultabile online sulla rivista The Ocular Surface, al link http://www.theocularsurfacejournal.com/