LASIK con laser a femtosecondi

Descrizione

La tecnica LASIKlaser in situ keratomileusis – è una tecnica consolidata nella chirurgia refrattiva, con una storia di più di vent’anni e un numero di casi che superano nel mondo i 40 milioni. La LASIK è adatta a correggere tutti i difetti refrattivi – MIOPIA, IPERMETROPIA e ASTIGMATISMO – e a compensare in modo permanente la PRESBIOPIA. Si effettua in anestesia topica, cioè con l’instillazione di poche gocce di anestetico sulla superficie dell’occhio che garantiscono la totale assenza di dolore.

La Dottoressa Morselli utilizza per la LASIK la tecnologia più all’avanguardia, il laser a femtosecondi, per separare dalla superficie corneale un sottile lembo di tessuto, sotto il quale si effettueranno, usando un laser a eccimeri di ultima generazione, le modifiche di curvatura della cornea necessarie a correggere il difetto visivo. Il lembo corneale verrà quindi riposizionato, a ricoprire e proteggere in modo naturale la zona dell’intervento laser.

Al termine, vengono instillate alcune gocce di antibiotico. Si ripete quindi la procedura nel secondo occhio.

La procedura ha una durata di circa 10 minuti per occhio, di cui solo 20-50 secondi sono utilizzati dal laser per effettuare la correzione visiva. Al termine, potrete sedervi e rilassarvi per una ventina di minuti, in attesa di un breve controllo da parte dell’oculista prima del rientro a casa.

Per i giorni successivi, vi saranno prescritte alcune gocce di antibiotico e cortisonico, da somministrare con cura 4 volte al giorno. Ritornerete per una visita di controllo il giorno dopo l’intervento e poi a giudizio dell’oculista.

La tecnica LASIK non provoca dolore, ad eccezione di un possibile lieve bruciore nel momento dell’instillazione delle gocce. Si dice che la LASIK sia la “tecnica della pausa pranzo” perché effettivamente consente già dopo un paio d’ore il ritorno alle normali attività quotidiane. Sarà tuttavia prudente non guidare per almeno un paio di giorni, non sottoporsi a sforzi ed evitare le attività sportive di contatto, il nuoto, la sauna e l’uso di motocicli per circa un mese.

È soprattutto importante non strofinare gli occhi e proteggerli durante la notte con le coppette consigliate dal medico.

Il recupero visivo è piuttosto rapido. La maggioranza dei pazienti è proprio agio entro pochi giorni, ma sarà necessario lasciar passare uno o due mesi perché il trattamento dia il massimo del suo potenziale e la visione si stabilizzi.

È importante essere regolarmente presenti ai controlli postoperatori secondo il calendario stabilito dal vostro medico.

  • Categorie:Chirurgia, Chirurgia refrattiva

Correlati